Il presente sito web fa uso di cookie anche di terze parti. Proseguendo nella navigazione si accetta implicitamente il loro utilizzo.
Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l'informativa.

 

e-mailpassword 
Home >> News >> Protocollo Operativo per la riapertura degli spazi dello spettacolo dal vivo
News
Protocollo Operativo per la riapertura degli spazi dello spettacolo dal vivo
23/02/2021

e degli eventi
Oggetto: Protocollo Operativo per la riapertura degli spazi dello spettacolo dal vivo e degli eventi
Si allega, con preghiera di diffusione e considerazione, il Protocollo Operativo per la riapertura degli spazi dello spettacolo dal vivo e degli eventi, frutto di mesi di lavoro collettivo da parte di maestranze, imprese, medici e artisti, comprensivo dell’elenco dei sottoscrittori.
Il presente protocollo operativo ha l'obiettivo di consentire la riapertura programmata degli spazi dello spettacolo dal vivo e degli eventi nella la primavera 2021, consentendo così la adeguata e necessaria organizzazione e promozione degli eventi
Non è obbligo riaprire e in ogni caso l’adozione del protocollo non significa interruzione dei bandi e dei ristori per il settore. Saranno necessari ristori adeguati per coloro che ancora non riapriranno o non ricominceranno a lavorare a pieno regime.
Gli aderenti al protocollo chiedono che ci siano ulteriori e diversi sostegni quando dichiaratamente necessari alla riapertura degli spazi. Contributi a fondo perduto per coprire costi aggiuntivi relativi all’organizzazione, al personale e all’innovazione tecnologica, ma anche prezzi calmierati dei tamponi rapidi, dispositivi di protezione personale, prodotti per l’igienizzazione etc.
I promotori si rendono sin d’ora disponibili a qualsiasi confronto si reputi necessario per la vostra considerazione e per la adozione dello stesso

I promotori del Protocollo
infoline: ripartenza.spettacoloeventi@gmail.com
Protocollo Operativo per la riapertura degli spazi dello spettacolo dal vivo e degli eventi
Elenco Sottoscrittori
A.C.E.P. - Associazione Compositori Editori Produttori
AIA - Artisti Italiani Associati
A.I.D.A.C. - Associazione Nazionale Dialoghisti Adattatori
Cinetelevisivi
A.M.C.F. - Associazione Compositori Musica per Film
A.N.A.R.T. - Associazione Nazionale Autori Radiotelevisivi e
Teatrali
ANPAD
ARIACS
A.R.C.I.
ARTIS soc.coop.
A.S.A.E.
ASSOARTISTI
ASSOLIRICA
AudioCoop - Coordinamento Etichette Discografiche
Indipendenti
BARLEY ARTS
CAFIM ITALIA
CENDIC - Centro Nazionale Drammaturgia Contemporanea
CLASSICA FUTURA
Comitato Millesoci
CONSORZIO C.I.C.S.
COOP ARTE & MUSICA
ESIBIRSI Soc. Coop.
FASOLMUSIC.COOP - Soc. cooperativa
FEDERAZIONE AUTORI
FLYING SPARK MANGEMENT
ITAL SHOW
LIVE ARTS Management
MAY DAY news
MIDJ - Musicisti Italiani di Jazz
MIG
NOTE LEGALI
RETE DEI FESTIVAL
SLOW MUSIC
S.N.A.C. - Sindacato Nazionale Autori e Compositori
ST.ART.
TECHNE soc.coop.
TEMPI TECNICI soc.coop.
U.N.A. - Unione Nazionale Autori
U.N.C.L.A. - Unione Nazionale Compositori Librettisti Autori
UNICA - Cantautrici Riunite
UNIONE OBIS
PROTOCOLLO OPERATIVO
per la riapertura degli spazi
dello spettacolo dal vivo e degli eventi
PREMESSE
Premesso
che il settore della cultura e delle arti performative è una componente fondamentale del Paese,
alimentata da centinaia di migliaia di imprese e lavoratori, che sviluppa un’economia di miliardi di
euro e dunque, al pari degli altri settori, essenziale allo sviluppo sociale ed economico europeo.
Il presente protocollo, frutto del lavoro condiviso di professionisti del settore, medici, imprese e
maestranze, è stato redatto con la consapevolezza del divenire costante della situazione sanitaria,
sociale ed economica globale e dovrà essere di sostegno alla intera “filiera dello stare insieme”.
Vuole essere uno strumento utile a consentire la possibilità di riaprire al pubblico nella primavera
2021 tutti gli spazi dell’arte, dello spettacolo dal vivo e degli eventi, sia al chiuso che all’aperto, nel
rispetto di tutte le normative vigenti*, anche dovute all’emergenza.
Questo documento è dunque uno strumento imprescindibile per accompagnare verso “l’uscita di
scena" la mancanza della condivisione e della partecipazione reale e non solo virtuale.
Crediamo fortemente che il mondo delle rappresentazioni dal vivo alimenti l’indispensabile e
necessaria cura delle anime e delle ferite di tutti noi.
* Il presente protocollo non può sostituire né modificare in alcun modo le normative vigenti relative all’antiterrorismo,
alla sicurezza sul lavoro e ai requisiti necessari alle licenze di pubblico spettacolo.
INDICE DEI CONTENUTI 1) CAPIENZE
1.1 ? DEFINIZIONE DELLE CAPIENZE
1.2 ? GESTIONE DELLA PIANTA, DISTANZIAMENTO INTERPERSONALE, DISPOSITIVI DI PROTEZIONE
2) BIGLIETTERIA
2.1 – TIPOLOGIA TITOLO D’INGRESSO
2.2 ? TEMPISTICA DI ACQUISTO O PRENOTAZIONE
2.2a ? Acquisizione dei dati
2.2b ? Autocertificazione
2.3 ? TITOLI D’INGRESSO DIGITALI E/O CARTACEI
2.4 ? ACCESSO
3) FLUSSI
3.1 ? FLUSSI PUBBLICO
3.1a ? Gestione dei flussi in entrata
3.1b ? Regole per la permanenza in sala e negli spazi comuni
3.1c ? Gestione flussi in uscita
3.2 ? FLUSSI PERSONALE OPERATIVO E ARTISTICO
3.2a ? Gestione flussi in entrata
3.2b ? Regole per la permanenza in sala ? retropalco ? palco ? camerini ? aree
comuni
3.2c ? Interferenza tra aree diverse dello spazio
3.2d ? Gestione flussi in uscita
4) GESTIONE SPAZI
4.1 ? SALA
4.1a ? Pulizia/sanificazione/igienizzazione
4.1b ? Aerazione
4.1c – Servizi in aree comuni
Servizi igienici
Ristorazione
Merchandising
Guardaroba
Area fumatori
4.1.d ? Procedure doppio spettacolo
4.2 ? PALCO, RETROPALCO, CAMERINI
4.2a ? Pulizia/sanificazione/igienizzazione
4.2b ? Aerazione
4.2c ? Servizi negli ambienti di lavoro
Palco
Camerini/uffici produzione
Servizi igienici
Catering
Guardaroba/attrezzeria
5) ? PRODUZIONE
5.1 ? FORMAZIONE E INFORMAZIONE DEGLI OPERATORI E DEL PERSONALE ARTISTICO
E INDIVIDUAZIONE DEL REFERENTE COVID
5.2 ? ALLESTIMENTO E SMONTAGGIO
6) ? CASO POSITIVO COVID
6.1 ? CASO POSITIVO O SOSPETTO POSITIVO TRA GLI SPETTATORI
6.2 ? SOSPETTO POSITIVO TRA PERSONALE OPERATIVO O ARTISTICO
7) CONCLUSIONI
8) LEGENDA
CAPIENZA
SPAZIO
AREA
SALA
CONGIUNTI
CONTATTO STRETTO
SANIFICAZIONE
IGIENIZZAZIONE
DISINFEZIONE
SPALTISTI
PISTA DA BALLO
1) CAPIENZE
1.1 ? DEFINIZIONE DELLE CAPIENZE
Per definire la capienza attuale del singolo spazio ci si dovrà riferire alla massima capienza
originaria autorizzata in agibilità, che già considera le caratteristiche e la dimensione dello
spazio.
Le modifiche a tale capienza dovranno, in collaborazione con gli organi territoriali
competenti e secondo le procedure di legge, considerare i seguenti parametri:
? Capienze con posti seduti e/o aree definite senza seduta fisica.
? Distanziamento interpersonale di 1 metro circonferenziale tra gli spettatori
(testa ? testa), non applicato tra congiunti e/o conviventi.
? qualora future evidenze scientifiche permettano la revisione delle attuali norme di
distanziamento il protocollo verrà di fatto aggiornato.
1.2 ? GESTIONE DELLA PIANTA, DISTANZIAMENTO INTERPERSONALE, DISPOSITIVI DI
PROTEZIONE. Qualunque sia la capienza e la gestione della pianta, l’ingresso e la
permanenza in sala sono consentiti solo con l’uso corretto dei Dispositivi di Protezione
Personale come da normativa vigente.
Pianta statica:
? La pianta statica considera sempre la distanza circonferenziale di 1 m tra le persone,
alternando in questo modo le sedute da occupare e le sedute da lasciare libere.
? Non è prevista la possibilità per i conviventi e/o congiunti di sedere vicino senza il
distanziamento. Tale tipologia garantisce una gestione più semplificata ma limita
fortemente la capienza e da un impatto visivo dal palco fortemente negativo.
? I canali di vendita / biglietterie elettroniche sono impostati allo stato attuale per la maggior
parte dei casi solo su pianta statica.
? Semplifica la gestione dei carichi tra le diverse biglietterie.
Pianta dinamica:
? La pianta dinamica in automatico garantisce la possibilità a conviventi / congiunti di sedersi
vicino calcolando la distanza circonferenziale di 1 m rispetto alle altre persone non
appartenenti al loro gruppo; esclude quindi il posto a destra e sinistra del gruppo di
congiunti / conviventi. Permette di utilizzare un maggior numero di posti a sedere,
potendo usufruire di una capienza maggiore e di un migliore impatto visivo dal palco.
? La gestione di tale pianta è più difficile quando si utilizzano diversi canali di vendita /
biglietterie, le quali, allo stato attuale, non sono ancora attrezzate in merito.
? Pianta per sala da ballo:
? La pianta per le sale da ballo sarà divisa tra posti singoli e posti destinati alle coppie di
congiunti, mantenendo le norme di distanziamento previste dalla normativa vigente.
2) BIGLIETTERIA
2.1 ? TIPOLOGIA TITOLO D’INGRESSO
Il titolo d’ingresso, indipendentemente dal metodo utilizzato per l’acquisto, così come la
prenotazione obbligatoria per gli eventi gratuiti, dovrà essere nominale per ciascun singolo
spettatore. Per nominale s’intende l'acquisizione dei dati relativi all'identità dei singoli
spettatori contestualmente all’acquisto/prenotazione; l’identità sarà trascritta sul titolo
d'ingresso.
I titoli d’ingresso nominali daranno diritto al posto assegnato.
In caso di eventi messi in vendita precedentemente e/o durante la formulazione di questo
protocollo, sarà necessario individuare un metodo alternativo per la raccolta dei dati anagrafici.
2.2 ? TEMPISTICA DI ACQUISTO O PRENOTAZIONE
I titoli d’ingresso saranno acquistabili/prenotabili attraverso canali online o mediante
acquisto/ritiro in loco, anche il giorno stesso dell’evento e comunque secondo la calendarizzazione
definita dalla biglietteria dello spazio.
Al fine di semplificare questa operazione e ridurre al massimo ogni possibilità di contatto, anche
indiretto (attraverso lo scambio manuale di titoli d’acquisto cartaceo, banconote, monete) è
consigliata la vendita/prenotazione online.
Laddove ciò non fosse possibile e fosse necessario l’acquisto/ritiro del titolo d’ingresso
cartaceo in loco, dovrà essere garantita la corretta acquisizione dei dati.
2.2a ? Acquisizione dei dati
Qualunque sia la capienza dello spazio, all’atto dell’acquisto/prenotazione si procederà
all’acquisizione dei dati anagrafici degli spettatori così come avviene per il titolo d’ingresso
nominale ai sensi della normativa vigente.
A corredo dei dati ricevuti per ogni spettacolo dovrà essere indicato il contatto
email/telefonico di chi effettua la transazione/prenotazione.
I dati acquisiti saranno archiviati e tenuti a disposizioni delle Autorità preposte per il periodo
necessario, come da normative regionali in vigore.
2.2b ? Autocertificazione
All’atto dell’acquisto/prenotazione sarà inviato il modello di AUTOCERTIFICAZIONE che dovrà
essere consegnato nel momento dell’accesso allo spazio, datato il giorno dell’evento,
compilato in tutte le sue parti e sottoscritto.
In caso di minori il modulo sarà compilato e sottoscritto dai genitori.
2.3 ? TITOLI D’INGRESSO DIGITALI E/O CARTACEI
? I titoli d'ingresso saranno preferibilmente digitali/stampa a cura dell’acquirente; o I titoli
d’ingresso cartacei si riserveranno solo per le transazioni effettuate presso la biglietteria
dello spazio.
? È sconsigliato l’uso del denaro contante.
2.4 ? ACCESSO
? Non si permetterà l’accesso allo spazio a chiunque presenti sintomi ricollegabili al COVID
descritti dalla normativa vigente e/o temperatura superiore ai limiti in essa fissati.
? I titoli d’ingresso, così come le prenotazioni obbligatorie per gli eventi a titolo gratuito,
saranno controllati all’accesso dello spazio, per verificare la validità e la corretta identità
del possessore del titolo.
? La conferma della presenza potrà essere eseguita tramite la scansione digitale e/o
attraverso un sistema di controllo anche cartaceo.
? Contestualmente all’accesso allo spazio sarà ritirata l’autocertificazione come
indicata al punto 2.2b. In assenza del modulo compilato e firmato verrà negato
l’accesso.
3) FLUSSI
3.1 ? FLUSSI PUBBLICO
3.1a ? Gestione dei flussi in entrata
Specifiche procedure nelle aree antistanti alle biglietterie e agli ingressi allo spazio vanno
formalmente previste dall’Organizzatore; adeguandole a ogni singola manifestazione e spazio.
Le Procedure devono prevedere e garantire:
? Che sia messa in atto la procedura di rilevazione della temperatura e di igienizzazione delle mani
all’ingresso alle code.
? Che il servizio di biglietteria sia il più distante possibile dallo spazio dove si svolge l'evento.
Che le code di chi è già in possesso del titolo d’ingresso e di chi deve acquistarlo/ritirarlo in loco
siano separate e controllate preliminarmente.
? Che le code siano ordinate, il distanziamento interpersonale mantenuto e i dispositivi di protezione
(è richiesta la mascherina chirurgica o protezione superiore) correttamente indossati e non in
evidente stato di deterioramento.
? Che in coda non sia consentito fumare, mangiare o bere.
? Che sia predisposta un’adeguata informazione, almeno in italiano e in inglese sulle regole da
rispettare, ben visibile sia nella fase di acquisizione dei titoli di acquisto, sia nelle fasi che portano
all’ingresso, sia durante la manifestazione, sia al deflusso al termine della manifestazione (con
cartellonistica e/o con altro mezzo audiovisivo).
3.1b ? Regole per la permanenza in sala e negli spazi comuni
Specifiche procedure per la permanenza in sala devono essere formalmente previste
dall’Organizzatore, adeguandole a ogni singola manifestazione e spazio.
Le procedure devono prevedere e garantire:
? L’informazione, in italiano e inglese, agli spettatori delle norme comportamentali da
seguire ai fini della prevenzione della diffusione del Covid prima dell’inizio dello
spettacolo, con messaggio audio e/o video e/o cartelli.
? Che i dispositivi di protezione individuali siano indossati correttamente per
tutta la durata dell’evento.
? Che durante l’evento non sia consentito lasciare il proprio posto tranne che per
accedere alle aree comuni regolamentate.
? Che gli utenti legati all’attività di ballo non possano lasciare il proprio posto assegnato
se non per l’esercizio di quell’attività, seguendo i percorsi segnalati. Essi dovranno
provvedere all’igienizzazione delle mani all’ingresso nel passaggio da un’area all’altra.
? Che le procedure di cui sopra devono essere applicate anche durante l’intervallo tra
il primo e il secondo tempo.
3.1c ? Gestione flussi in uscita
Specifiche procedure per l’uscita dallo spazio devono essere formalmente previste
dall’Organizzatore, adeguandole a ogni singola manifestazione e spazio.
Le procedure devono prevedere e garantire che:
? Le uscite saranno regolamentate secondo la programmazione dell’evento, in
modo che sia rispettata la distanza interpersonale e non si creino
assembramenti.
? Le vie d’uscita dovranno essere debitamente indicate.
? Dovranno essere utilizzate tutte le uscite di emergenza disponibili, evitando ove
possibile le vie d’ingresso.
3.2 ? FLUSSI PERSONALE OPERATIVO E ARTISTICO
? L’organizzazione provvederà alla pianificazione dell’ordine del giorno e/o al piano di produzione
dell’evento, che conterrà il dettaglio delle seguenti disposizioni e dovrà essere comunicato,
ricevuto e approvato.
? Tutto il personale operativo e artistico dovrà consegnare al referente Covid, al momento
dell’accesso allo spazio, il modulo dell’AUTOCERTIFICAZIONE per l’ingresso alle attività, datato il
giorno dell’evento, compilato in tutte le sue parti e sottoscritto.
? Tutto il personale di controllo, tecnico e artistico che accede alla biglietteria, alla sala e alle aree di
palco e retropalco, deve essere munito di idonei dispositivi di protezione personale come da norma
vigente, mascherina chirurgica o protezione superiore, e avere nelle zone di passaggio da un’area
all’altra la disponibilità di prodotti per l'igienizzazione delle mani, operazione che dovrà avvenire
con regolarità.
3.2a ? Gestione flussi in entrata
? Ove possibile il personale operativo/artistico dovrà utilizzare ingressi diversi da quelli
riservati al pubblico.
? Nel caso in cui il varco coincida, dovrà essere stabilita una separazione temporale
dell’utilizzo.
? Dovrà essere eseguita una costante igienizzazione delle superfici di contatto (maniglie,
porte, corrimani, interruttori, etc.)
? L’ingresso di tutto il personale operativo/artistico dovrà prevedere la disponibilità di
apparecchiature per la misurazione della temperatura, senza necessità di registrazione
della stessa, e di prodotti per l’igienizzazione delle mani.
? Il personale dedicato al controllo agli accessi/biglietteria/sala dovrà indossare
mascherine del tipo FFP2 e provvedere all’igienizzazione costante delle mani.
? Solo nel caso di più giornate di lavoro nella stessa struttura, o in caso di evento
itinerante con il medesimo personale, il personale operativo/artistico, a
rotazione, dovrà sottoporsi a tampone rapido periodico.
? Il personale operativo/artistico proveniente dall’estero dovrà sottoporsi a
tampone rapido prima dell’ingresso allo spazio in cui si svolgerà il primo
spettacolo su territorio italiano, salvo che sia in possesso di certificazione di
negatività risalente a non oltre 48 ore prima.
3.2b ? Regole per la permanenza in sala ? retropalco ? palco ? camerini ? aree
comuni
? Il palco, il retropalco, i camerini, le aree di carico e scarico, le aree comuni allo staff e agli
artisti saranno in uso esclusivo a tutte le maestranze operative, tecnici, addetti alla
produzione e artisti, con specifica autorizzazione.
? In tali zone valgono le norme vigenti in materia di contenimento della diffusione del virus
Covid?19 e dunque obbligo di mascherina, almeno del tipo chirurgico, costantemente e
correttamente indossata, utilizzo di prodotti per l’igienizzazione delle mani (disponibili in
ogni locale), presenza di indicazioni visive delle norme e della viabilità interna.
? L’uso promiscuo dei camerini è da evitare salvo assicurare un adeguato distanziamento
interpersonale unito a un’adeguata pulizia delle superfici e a una costante aerazione.
? Ove l’uso individuale non sia possibile il camerino dovrà essere utilizzato a turni, con
costante igienizzazione delle superfici e ricambio d’aria. Se presenti più persone all’interno
del medesimo camerino, dovrà essere costantemente indossato il dispositivo di protezione
personale e regolarmente effettuata l’igienizzazione delle mani.
3.2c ? Interferenza tra aree diverse dello spazio
? Solo le persone autorizzate potranno accedere contemporaneamente a diverse aree dello
spazio.
? Non sarà consentito il passaggio a terzi non autorizzati.
? Nei varchi tra un’area e l’altra dovranno essere disponibili, segnalati con indicazione visiva,
prodotti per l’igienizzazione delle mani, che dovrà avvenire a ogni passaggio.
3.2d ? Gestione flussi in uscita
? Ove possibile il personale operativo e artistico utilizzerà uscite diverse da quelle riservate al
pubblico.
? Se i varchi dovessero coincidere, dovrà essere stabilita una separazione temporale dell’utilizzo.
? Dovrà essere eseguita una costante igienizzazione delle superfici di contatto (maniglie, porte,
corrimani, interruttori etc.)
4) GESTIONE SPAZI
4.1 SALA
Sul palco sarà individuato un limite di rispetto tra l’artista e il pubblico non inferiore a 3 metri
(testa a testa).
4.1a ? Pulizia/sanificazione/igienizzazione
? Al termine delle operazioni di allestimento e delle prove, prima dell’ingresso del pubblico,
garantire una corretta igienizzazione dell’area riservata agli spettatori.
? Garantire la frequente pulizia e igienizzazione di tutti gli ambienti, locali e attrazioni, con
particolare attenzione alle aree comuni e alle superfici toccate con maggiore frequenza
(corrimano, interruttori della luce, pulsanti degli ascensori, maniglie di porte e finestre,
transenne, tendiflex, tendaggi, ecc.).
? Posizionare dispenser per l’igienizzazione delle mani almeno all’ingresso di ogni area dello
spazio.
? Al fine di agevolare lo smaltimento dei dispositivi di protezione utilizzati dai frequentatori
dei locali, si suggerisce di collocare cestini portarifiuti dotati di pedale o fotocellula nelle
aree comuni. Ogni cestino deve essere dotato di un sacchetto per permettere di svuotarlo
senza entrare in contatto con il contenuto. I rifiuti vanno poi chiusi con legacci o nastro e
gettati nell’indifferenziato
? Tutte le operazioni di pulizia devono essere condotte da personale che indossa DPI, ovvero:
? mascherina almeno di grado FFP2;
? guanti monouso;
? camice monouso impermeabile a maniche lunghe.
Dopo l’utilizzo, i DPI monouso vanno smaltiti come materiale potenzialmente infetto
? I rifiuti prodotti nell’ambito delle operazioni di sanificazione vanno conferiti nella raccolta
indifferenziata. Chiudere adeguatamente i sacchi con nastri o legacci, non schiacciarli o
comprimerli ed eventualmente utilizzare due sacchi uno dentro l’altro se non sono
sufficientemente robusti. Utilizzare i dispositivi di protezione DPI durante il
confezionamento e la movimentazione degli stessi, e lavarsi accuratamente le mani al
termine delle operazioni.
4.1b ? Aerazione
? È necessario un buon sistema di ventilazione.
? Ove possibile far sostare le persone all’esterno dello spazio, mediante l'identificazione di aree
“polmone” esterne con capienza definita.
? Arieggiare costantemente le aree di foyer, corridoi, etc.
? Ove presenti finestre o porte sull’ambiente esterno dovrà essere prevista periodica apertura delle
stesse per il ricambio d’aria.
? I sistemi di riscaldamento e raffreddamento non devono intaccare il sistema di ventilazione.
? Costante pulizia dei filtri dei sistemi di ventilazione, come da istruzioni delle macchine; devono
? garantire la massima efficienza.
? Per gli impianti di condizionamento è obbligatorio, se tecnicamente possibile, escludere totalmente
la funzione di ricircolo dell’aria. In ogni caso vanno rafforzate ulteriormente le misure per il
ricambio d’aria naturale e/o attraverso l’impianto, e va garantita la pulizia, a impianto fermo, dei
filtri dell’aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati. Se tecnicamente
possibile, va aumentata la capacità filtrante del ricircolo, sostituendo i filtri esistenti con filtri di
classe superiore, garantendo il mantenimento delle portate.
4.1c – Servizi in aree comuni:
Servizi igienici
? Tutti i servizi igienici dovranno essere dotati di acqua calda e sapone e/o di soluzioni per
l’igienizzazione delle mani, e di carta monouso per asciugatura.
? Garantire la frequente pulizia e disinfezione di tutti gli ambienti, con particolare attenzione
alle superfici toccate con maggiore frequenza.
? Nei servizi igienici va mantenuto in funzione continuata l’estrattore d’aria, se presente.
? L’ingresso ai servizi igienici deve essere contingentato così da garantire il mantenimento
del distanziamento interpersonale.
Ristorazione
? Delimitazione delle aree di ristorazione con transenne e/o nastri e/o segnaletica sul
pavimento (si segua la normativa vigente sulla ristorazione e sulla somministrazione di
bevande).
? Per gli spazi all’aperto, possibilità di utilizzo di “spaltisti” per consentire la consumazione
direttamente al posto assegnato.
Merchandising
? Sarà individuata un’area delimitata dedicata al merchandising.
? L’accesso all’area sarà contingentato e seguirà un percorso obbligato nel quale dovranno
essere rispettate le regole di distanziamento interpersonale.
? All’accesso all’area dovrà essere disponibile il prodotto per l’igienizzazione
delle mani.
Guardaroba
? È sconsigliato il servizio guardaroba salvo che lo spazio lo consenta e che siano garantite le
seguenti misure:
? il guardaroba dovrà essere lontano dall'ingresso allo spazio
? che sia garantita la gestione delle code (distanziamento interpersonale/mascherina/no
assembramento) in entrata e in uscita del pubblico
? buste monouso da consegnare allo spettatore che inserirà il suo indumento e lo consegnerà
all'operatore
? operatori con mascherina FFP2, visiera e guanti monouso
? è fortemente sconsigliato l'uso dei contanti
? È necessario prevedere uno spazio di deposito per i caschi.
? È raccomandato al personale di sala di non consentire il posizionamento di indumenti
personali nei posti lasciati liberi per garantire il distanziamento.
Area fumatori
? Non è prevista l'area fumatori all’interno dello spazio e in caso di esistenza la stessa dovrà
rimanere chiusa.
4.1.d ? Procedure doppio spettacolo
? Prevedere un intervallo di tempo, tra il primo e il secondo spettacolo, sufficiente a
impedire la concomitanza dell’uscita del pubblico del primo spettacolo con l’arrivo del
pubblico del secondo spettacolo.
? Prevedere un intervallo di tempo, tra primo e secondo spettacolo, sufficiente a pulire e
igienizzare tutte le aree interessate dal pubblico con particolare attenzione alle aree
comuni e alle superfici toccate con maggiore frequenza (sedute, corrimano, interruttori
della luce, pulsanti degli ascensori, maniglie di porte e finestre, ecc.).
? Nell’intervallo, tra il deflusso e l’ingresso degli spettatori dei due spettacoli, i punti di
ristoro e il merchandising dovranno rimanere chiusi.
4.2 ? PALCO, RETROPALCO, CAMERINI
4.2a ? Pulizia/sanificazione/igienizzazione
? Incentivare e assicurare operazioni di pulizia e igienizzazione giornaliera a fine turno del
settore specifico, dei locali e delle postazioni di lavoro, delle aree comuni e di svago e delle
attrezzature di lavoro.
? Garantire la frequente pulizia e igienizzazione di tutti gli ambienti, con particolare
attenzione alle superfici toccate con maggiore frequenza (maniglie, porte, corrimani,
interruttori etc.).
? Posizionare dispenser per igienizzazione delle mani almeno all’ingresso di ogni area dello
spazio.
? Al fine di agevolare lo smaltimento dei dispositivi di protezione utilizzati dai frequentatori
dei locali, si suggerisce di collocare cestini portarifiuti dotati di pedale o fotocellula nelle
aree comuni. Ogni cestino deve essere dotato di un sacchetto per permettere di svuotarlo
senza entrare in contatto con il contenuto. I rifiuti vanno poi chiusi con legacci o nastro e
gettati nell’indifferenziato
? Tutte le operazioni di pulizia devono essere condotte da personale che indossa DPI, ovvero:
? mascherina almeno di grado FFP2;
? guanti monouso;
? camice monouso impermeabile a maniche lunghe.
? Dopo l’utilizzo, i DPI monouso vanno smaltiti come materiale potenzialmente infetto
? I rifiuti prodotti nell’ambito delle operazioni di sanificazione vanno conferiti nella raccolta
indifferenziata. Chiudere adeguatamente i sacchi con nastri o legacci, non schiacciarli o
comprimerli ed eventualmente utilizzare due sacchi uno dentro l’altro se non sono
sufficientemente robusti. Utilizzare i dispositivi di protezione DPI durante il
confezionamento e la movimentazione degli stessi, e lavarsi accuratamente le mani al
termine delle operazioni.
4.2b ? Aerazione
? È necessario un buon sistema di ventilazione.
? Ove presenti finestre o porte sull’ambiente esterno dovrà essere prevista periodica
apertura delle stesse per il ricambio d’aria.
? I sistemi di riscaldamento e raffreddamento non devono intaccare il sistema di
ventilazione.
? Costante pulizia dei filtri dei sistemi di ventilazione, come da istruzioni delle macchine, così
da garantire la massima efficienza.
4.2c ? Servizi negli ambienti di lavoro
? Garantire la frequente pulizia e igienizzazione di tutti gli ambienti, con particolare
attenzione alle superfici toccate con maggiore frequenza.
? Tutte le operazioni di pulizia devono essere condotte da personale che indossa DPI, ovvero:
? mascherina almeno di grado FFP2;
? guanti monouso;
? camice monouso impermeabile a maniche lunghe.
? Dopo l’utilizzo, i DPI monouso vanno smaltiti come materiale potenzialmente infetto
Palco
Nel caso in cui nel corso dell’esibizione le maestranze e gli artisti non possano mantenere il
distanziamento interpersonale o non possano indossare la mascherina, sotto responsabilità
della produzione/organizzazione, dovranno essere soggetti a controlli specifici.
Camerini / uffici produzione
? Lo spazio adibito a camerini, se non potrà essere individuale, dovrà essere tale da garantire
il rispetto delle regole per il distanziamento interpersonale.
? Se presenti più persone all’interno del medesimo camerino, dovrà essere costantemente
indossato il dispositivo di protezione personale.
? All’interno dei camerini dovranno essere disponibili prodotti per l’igienizzazione delle mani,
che andrà effettuata con regolarità.
Servizi igienici
? Tutti i servizi igienici dovranno essere dotati di acqua calda e sapone e/o di soluzioni per
l’igienizzazione delle mani, e di carta monouso per asciugatura.
? Nei servizi igienici comuni dovranno essere previste attività di pulizia e disinfezione
periodica che saranno raccolte su apposito registro. La periodicità sarà stabilita in base al
numero di persone che ne avranno uso.
? Nei servizi igienici riservati dovranno essere previste attività di pulizia e disinfezione
quotidiane.
? Nei servizi igienici va mantenuto in funzione continuata l’estrattore d’aria.
Catering
? Sono esclusi servizi di coffee break, sono consentiti solo buffet con servizio al tavolo o
buffet privati monoporzioni/cestini.
? È sconsigliato l’utilizzo dei dispenser di erogazione dell’acqua privilegiando l’uso di bottiglie
o borracce personali.
? Il buffet sarà servito solo se sono disponibili aree adibite all’esterno oppure ciascuno con
tavolo singolo, divieto di mangiare in aree non adibite al catering e/o in ufficio.
Guardaroba/attrezzeria
? Nei guardaroba, gli indumenti e gli oggetti personali devono essere riposti in appositi
sacchetti porta abiti.
? I costumi di scena dovranno essere individuali; non potranno essere condivisi dai singoli
artisti prima di essere stati igienizzati.
? Gli oggetti di scena devono essere igienizzati. Igienizzarsi le mani prima di utilizzarli
? È necessario che i microfoni e le dotazioni tecniche condivise siano igienizzati a ogni
utilizzo.
? È necessario che tutti gli strumenti musicali e/o attrezzature non personali siano igienizzati
a ogni utilizzo.
5) PRODUZIONE
5.1 ? FORMAZIONE E INFORMAZIONE DEGLI OPERATORI E DEL PERSONALE ARTISTICO E
INDIVIDUAZIONE DEL REFERENTE COVID
? Il personale operativo include anche il personale dei media/radio/TV e servizi streaming
(fotografi/cameramen etc.).
? Dovrà essere prevista una comunicazione preventiva per tutto il personale
operativo/artistico interno ed esterno riguardo alle misure di prevenzione e protezione
previste e/o adottate. Tale comunicazione sarà presente in loco anche mediante affissioni
di appositi dépliant informativi ai varchi d’ingresso e uscita, e nei passaggi tra le aree dello
spazio.
? Dovrà essere data indicazione a tutto il personale operativo/artistico riguardo al
comportamento da
? seguire durante eventuali trasferte e comunque nei tragitti da e per lo spazio.
? Sarà impedito l’accesso allo spazio a tutti i soggetti di cui non sono note generalità, e non
sia stata acquisita autocertificazione.
? Dovrà essere indetta la riunione preliminare di coordinamento, all’ingresso della
produzione nello spazio, al fine di rendere edotto tutto il personale operativo/artistico
delle norme da porre in uso per il contenimento della diffusione del virus COVID?19, come
da comunicazione preventiva. In caso di ingressi sfalsati temporalmente di altri gruppi di
personale operativo/artistico, si dovrà aggiornare la riunione preliminare.
? Nel corso della riunione sarà individuato un referente, sia dell’organizzazione sia della
produzione, dedicato a garantire il rispetto delle misure adottate.
5.2 ? ALLESTIMENTO E SMONTAGGIO
Fatte salve le norme definite dal D.lgs. 81/08 e successive modificazioni e integrazioni a
tutela dei lavoratori, le seguenti regole andranno applicate sia in fase di allestimento sia di
smontaggio:
? Tutto il personale addetto alle fasi di allestimento e smontaggio dovrà essere sottoposto al
controllo della temperatura corporea.
? Il personale addetto dovrà esporre e consegnare dedicata autocertificazione, ai sensi della
normativa vigente, in ingresso alle attività (fornita nella documentazione ai fini della
sicurezza che ogni ditta incaricata riceverà secondo le procedure di legge).
? Il datore di lavoro di ciascuna ditta dedicata all’allestimento/smontaggio avrà provveduto a
informare preventivamente il personale della preclusione all’accesso a chi, negli
antecedenti quattordici giorni, abbia avuto contatti con soggetti risultati positivi al COVID?
19 o provenga da zone a rischio secondo le indicazioni dell’OMS.
? Ove previsto, per il servizio di trasporto organizzato da parte delle ditte incaricate, dovrà
essere garantita e rispettata la sicurezza dei lavoratori in ogni spostamento, adottando le
seguenti azioni:
• Riduzione del numero di lavoratori per ogni mezzo;
• Implementazione del servizio;
• Dotazione di strumenti di protezione individuale.
? Qualora il lavoro imponga una distanza interpersonale inferiore a un metro, è d’obbligo,
oltre l’uso delle mascherine, anche l’utilizzo di altri dispositivi di protezione quali occhiali o
visiere, guanti etc. conformi alle disposizioni delle autorità scientifiche.
? L’accesso alle aree comuni, comprese le aree dedicate al ristoro e agli spogliatoi, sarà
contingentato.
? Dovrà essere prevista una ventilazione continua dei locali.
? Dovrà essere stabilito un tempo ridotto di sosta all’interno dei locali e con il mantenimento
della distanza interpersonale di un metro tra le persone che li occupano.
? Dovranno essere individuati percorsi e passaggi obbligati (preferibilmente con flussi
unidirezionali).
? È consigliata la creazione di aree cuscinetto ove le persone non devono sostare.
? Dovrà essere redatto un apposito elenco d’ingresso e uscita del personale con orario e
sottoscrizione che impedisca, oltre l’orario previsto dal piano di produzione, la sosta non
necessaria all’interno dello spazio.
6) CASO POSITIVO COVID
6.1 ? CASO POSITIVO O SOSPETTO POSITIVO TRA GLI SPETTATORI
Nel caso in cui uno spettatore presente allo spettacolo risulti positivo nei quindici giorni seguenti,
su richiesta delle autorità competenti, si forniranno i dati degli spettatori partecipanti allo stesso
spettacolo, per favorire le operazioni di tracciamento.
Se uno spettatore manifesta i sintomi durante lo spettacolo
? lo deve dichiarare immediatamente al personale di sala
? sarà raggiunto dal responsabile della sicurezza e sarà invitato a spostarsi in un’area di
controllo separata dal pubblico.
? Si sposteranno anche le persone entrate con lui/lei.
? In attesa del personale sanitario contattato, si farà indossare a tutti i presenti nell’area di
controllo (spettatore con sintomi e congiunti/affini) una mascherina FFP2.
? Il personale sanitario valuterà i sintomi dello spettatore e dei suoi contatti stretti.
Se una persona del pubblico che ha sviluppato i sintomi durante lo spettacolo risulta positiva,
? il personale operativo e artistico che abbia operato nelle aree in uso anche al pubblico
dovrà sottoporsi al tampone nasofaringeo rapido tra le 72h e le 96h dalla conferma della
positività, oppure dovrà provvedere all’isolamento fiduciario per il tempo previsto dalla
normativa vigente.
Nell’attesa dell’esito del tampone si procederà come segue:
? La produzione indosserà mascherine FFP2 fino all’esito del tampone del caso sospetto.
? Chiusura del catering
Se una persona del pubblico risulta positiva nei giorni seguenti allo spettacolo, il personale
operativo e artistico che abbia operato nelle aree in uso anche al pubblico dovrà sottoporsi al
tampone nasofaringeo rapido entro 48h dalla comunicazione pervenuta al seguito del tracciamento
oppure dovrà provvedere all’isolamento fiduciario per il tempo previsto dalla normativa vigente.
Nell’attesa dell’esito del tampone si procederà come segue:
? La produzione indosserà mascherine FFP2 fino all’esito del tampone del caso sospetto.
? Chiusura del catering
6.2 ? SOSPETTO POSITIVO TRA PERSONALE OPERATIVO O ARTISTICO
Nel caso in cui un addetto sviluppi febbre e sintomi di infezione respiratoria quali la tosse, lo deve
dichiarare immediatamente al referente COVID.
Nell’eventualità di un caso sospetto Covid in produzione si agirà come segue:
? Isolamento del caso sospetto.
? In attesa del personale sanitario contattato, si farà indossare a tutti i presenti nell’area di
controllo una mascherina FFP2.
? Il personale sanitario valuterà i sintomi dell’operatore e dei suoi contatti stretti e la
necessità eventuale dell’esecuzione del tampone antigenico o molecolare
Nell’attesa dell’esito del tampone:
? La produzione indosserà mascherine FFP2 fino all’esito del tampone del caso sospetto.
? Chiusura del catering.
? Identificazione dei possibili contatti stretti e prenotazione, per gli stessi, del tampone
antigenico, da svolgere entro 48h; altrimenti isolamento momentaneo degli interessati.
? In ogni caso prepararsi alla sostituzione di questo personale.
In caso di esito negativo al test:
? Ritorno a misure standard.
In caso di esito positivo al test:
? Il soggetto positivo viene isolato e posto in quarantena come da normativa.
? I possibili contatti stretti seguono la procedura del contatto sospetto Covid in
produzione, fino a spezzare la catena del contagio.
CONCLUSIONI
Questo protocollo è stato sviluppato con meticolosità, esperienza e dovizia di particolari nella
consapevolezza del divenire costante della situazione sanitaria, sociale ed economica mondiale. E’ stato
redatto studiando e analizzando casistiche che spaziano a trecentosessanta gradi nel settore Arte, Eventi
e Spettacolo, considerandone la naturale poliedricità e le sue innumerevoli variabili ed esigenze
specifiche.
La nuova economia generata da restrizioni e obblighi e la necessità di applicare seriamente tale
protocollo, a tutela e salvaguardia del pubblico, degli operatori e del personale artistico, richiedono
obbligatoriamente importanti investimenti.
Ne deriva che le realtà impossibilitate a operare, a causa delle riduzioni delle capienze e delle onerose
prescrizioni, dovranno essere sostenute attraverso bandi e ristori, sia nazionali che locali, a fondo
perduto.
Questo protocollo vuole anche essere uno strumento per generare una nuova modalità condivisa di
produzione e di eventuale moltiplicazione delle repliche nella stessa città, anche attraverso “temporary
locations” valorizzando le risorse territoriali nella ripartenza sostenibile dell’intera filiera dell’arte, dello
spettacolo dal vivo e degli eventi.
LEGENDA
CAPIENZA ? Il numero totale degli spettatori che possono accedere a uno spazio.
SPAZIO ? Qualsiasi tipologia di luogo in cui si svolge lo spettacolo.
AREA ? Porzione definita dello spazio.
SALA ? Area dello spazio dove sono collocati gli spettatori.
CONGIUNTI ? Parenti e affini, conviventi e affini.
CONTATTO STRETTO ? Si definisce per legge un “contatto stretto” la
persona che:
Convive col caso positivo;
Ha avuto un contatto fisico diretto (ad esempio una stretta di mano) con un caso positivo o con
oggetti contenenti le secrezioni di un caso positivo (ad esempio un fazzoletto);
Si sia intrattenuta e abbia avuto un contatto diretto con un caso positivo per almeno un quarto
d’ora a meno di 2 m di distanza, senza uso di Dispositivi di Protezione Individuali (DPI); o Si è
trovata in un ambiente chiuso (ad esempio un’aula, una sala riunioni…) con un caso Covid?19 in
assenza di Dispositivi di Protezione Individuali idonei;
Ha viaggiato seduta in treno, aereo o qualsiasi altro mezzo di trasporto, entro due posti in qualsiasi
direzione rispetto a un caso Covid?19; sono contatti stretti anche i compagni di viaggio e il
personale addetto alla sezione dell’aereo/treno o qualsiasi altro mezzo di trasporto dove la
persona portatrice di Covid?19 era seduta.
SANIFICAZIONE ? intervento mirato a debellare i batteri e gli agenti patogeni.
IGIENIZZAZIONE ? Pulizia a fondo in grado di rimuovere o ridurre gli agenti patogeni su oggetti e superfici.
DISINFEZIONE ? Operazione avente per scopo la distruzione o inattivazione di microrganismi
patogeni, eseguita con mezzi chimici (disinfettanti) fisici (calore secco, vapore acqueo, acqua
bollente) o meccanici (filtri per trattenere le spore).
SPALTISTI ? È il personale autorizzato che vende le vivande direttamente al posto occupato dallo
spettatore.
PISTA DA BALLO ? Area definita e deputata esclusivamente all'attività del ballo per coppie
congiunte oppure per singoli (prevista solo ed esclusivamente durante i balli di gruppo
distanziati). Non è possibile la sosta nell'area in assenza di musica.
TEMPORARY LOCATION ? Si intende qualunque spazio temporaneo all’aperto e/o al chiuso, privato
e/o pubblico, non necessariamente abitualmente utilizzato per spettacoli dal vivo e/o eventi,
allestito, attrezzato e gestito nel rispetto delle linee guida sanitarie e di prevenzione indicate in
questo protocollo.
Protocollo Operativo per la riapertura degli spazi dello spettacolo dal vivo e degli eventi
Elenco Sottoscrittori
A.C.E.P. - Associazione Compositori Editori Produttori
AIA - Artisti Italiani Associati
A.I.D.A.C. - Associazione Nazionale Dialoghisti Adattatori
Cinetelevisivi
A.M.C.F. - Associazione Compositori Musica per Film
A.N.A.R.T. - Associazione Nazionale Autori Radiotelevisivi e
Teatrali
ANPAD
ARIACS
A.R.C.I.
ARTIS soc.coop.
A.S.A.E.
ASSOARTISTI
ASSOLIRICA
AudioCoop - Coordinamento Etichette Discografiche
Indipendenti
BARLEY ARTS
CAFIM ITALIA
CENDIC - Centro Nazionale Drammaturgia Contemporanea
CLASSICA FUTURA
Comitato Millesoci
CONSORZIO C.I.C.S.
COOP ARTE & MUSICA
ESIBIRSI Soc. Coop.
FASOLMUSIC.COOP - Soc. cooperativa
FEDERAZIONE AUTORI
FLYING SPARK MANGEMENT
ITAL SHOW
LIVE ARTS Management
MAY DAY news
MIDJ - Musicisti Italiani di Jazz
MIG
NOTE LEGALI
RETE DEI FESTIVAL
SLOW MUSIC
S.N.A.C. - Sindacato Nazionale Autori e Compositori
ST.ART.
TECHNE soc.coop.
TEMPI TECNICI soc.coop.
U.N.A. - Unione Nazionale Autori
U.N.C.L.A. - Unione Nazionale Compositori Librettisti Autori
UNICA - Cantautrici Riunite
UNIONE OBIS
INDIETROINGRANDISCI

VISUALIZZA VERSIONE SMARTPHONE

Web Design by Augustogroup - P.IVA 01970880991 - Vietata la riproduzione anche se parziale - tutti i diritti riservati